Riflessioni in ordine sparso sulla fotografia.

Un viaggio tra arte, fotografia e vita.

Lisboa nào è a cidade perfeita para nós

Lisboa – ©Alessandro Mallamaci – Fujifilm X-T1

Ricordate il mio post Lisbona, prime impressioni? Ecco una selezione di scatti frutto del mio ritorno in questa città che mi ha letteralmente stregato e in cui conto di tornare, tornare, tornare ma… bando alle ciance, gustatevi queste foto: Lisboa nào è a cidade perfeita para nós

Leggi anche:
Lisbona, prime impressioni
Requiem
Vertigem em Lisboa
Ponte 25 de abril, Lisboa


Condividi sui Social:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • MySpace
  • RSS

Commenti

Requiem

“oggi per me è un giorno molto strano, sto sognando ma mi pare che sia vero, e devo incontrare delle persone che esistono soltanto nel mio ricordo. Oggi è l’ultima domenica di luglio, disse lo Zoppo della Lotteria, la città è deserta, ci saranno almeno quaranta gradi all’ombra, suppongo che sia il giorno più indicato per incontrare persone che esistono soltanto nel ricordo, la sua anima, pardon, il suo Inconscio, avrà un gran daffare in un giorno come questo, le auguro una buona giornata ed una buona sorte.”

Brano tratto da “Requiem” di Antonio Tabucchi


Condividi sui Social:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • MySpace
  • RSS

Commenti

Story telling e reportage – Fujifilm a Corigliano Calabro Fotografia

alessandro_mallamaci_corigliano_calabro_fotografia_fujifilm

Foto: Giorgia Foti / Servizifotografici.net


Questo post è una raccolta dei lavori fotografici citati a Corigliano Calabro Fotografia il 29 giugno 2014, in occasione del workshop promosso da Fujifilm e organizzato da Cine Sud. Continua a leggere


Condividi sui Social:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • MySpace
  • RSS

Commenti

Odo una voce

Odo una voce sussurrante
parole di scirocco
aliti accomodanti
agli orecchi dei vecchi stanchi.

E la canuta signorina
così spedita e vanitosa
da parermi una bambina
che il blu specchia giocosa

mentre lo zucchero filato
leggero vola, e spensierato:
si parte da me in questa sera sola.

A.M.


Condividi sui Social:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • MySpace
  • RSS

Commenti