Il fotografo invisibile: wedding reportage e discrezione durante il matrimonio

Wedding reportage

@Alessandro Mallamaci

Spesso penso all’invadenza dei fotografi durante le cerimonie. Non dimenticherò mai quello che ha detto un noto fotografo italiano di cerimonia durante un workshop “noi siamo i protagonisti del matrimonio”… Ecco io la penso esattamente al contrario. Il fotografo deve essere al servizio della coppia. Deve documentare la giornata con la massima discrezione, senza mai interferire. Continua a leggere

Che senso ha la passeggiata degli sposi?

© Alessandro Mallamaci

La “passeggiata”, a mio avviso, è il retaggio di un vecchio modo di lavorare. In un servizio posato il fotografo ha la necessità di arricchire l’album con altri scatti (che poco o niente hanno a che vedere con la giornata del matrimonio e con la coppia fotografata). Dal mio punto di vista non è necessario “andare a fare le foto” perché io già scatto e documento ciò che accade da mattina fino a notte. Piuttosto trovo molto più sensato andare direttamente in sala, avere modo di rilassarsi e accogliere i propri ospiti (se li abbiamo invitati è perché ci fa piacere che stiano con noi in un’occasione così importante, quindi che senso ha farli aspettare?). Continua a leggere

Cos’è il wedding reportage

Wedding Reportage

@ Alessandro Mallamaci

Qualche tempo fa mi è capitato di confrontarmi sul tema del reportage con una wedding planner. Lei, stranamente, sosteneva la tesi che le sue coppie ottenessero la resa migliore nei servizi posati. “Se proprio le coppie me lo chiedono dico al mio fotografo di fiducia di scattare così… senza posa…” affermava. Continua a leggere

Esseri digitali

Metropolis

Fotogramma dal film "Metropolis" di Fritz Lang (1927)

E quindi dobbiamo tutti possedere un iPhone e un iPad o un tablet Android. Ci è richiesta l’iscrizione a Facebook, Twitter, Pinterest, Fancy, Google+, ecc, dobbiamo ricordarci di usare la chiocciole e gli hashtag, di pubblicare principalmente il venerdì, di non pubblicare la notte, di non pubblicare troppo di frequente ma neanche troppo di rado. Continua a leggere