La stupidità fotografica

sadoconiglio

Esiste anche la capgrasfotografia del fotografo stupido. Il termine “Capgras” indica il disturbo mentale di uno stupido clinico il quale crede che i parenti siano stati rimpiazzati da personaggi famosi. Il capgrasfotografo nelle sue istantanee vede i capolavori famosi che si trovano nel Louvre.

Tratto da La stupidità fotografica di Ando Gilardi, Johan & Levi editore

La fotografia di Italo Calvino

Il gusto della foto spontanea naturale colta dal vivo uccide la spontaneità, allontana il presente. La realtà fotografata assume subito un carattere nostalgico, di gioia fuggita sull’ala del tempo, un carattere commemorativo, anche se è una foto dell’altro ieri. E la vita che vivete per fotografarla è già in partenza commemorazione di se stessa. Credere più vera l’istantanea che il ritratto in posa è un pregiudizio…

Tratto da “L’avventura di un fotografo” di Italo Calvino