Riflessioni in ordine sparso sulla fotografia

Un viaggio tra arte, fotografia e vita

Storytelling e reportage – Fujifilm a Corigliano Calabro Fotografia2 min read

alessandro_mallamaci_corigliano_calabro_fotografia_fujifilm

Foto: Giorgia Foti / Servizifotografici.net


Questo post è una raccolta dei lavori fotografici citati a Corigliano Calabro Fotografia il 29 giugno 2014, in occasione del workshop promosso da Fujifilm e organizzato da Cine Sud. Mi scuso per questa lista di cui non si può comprendere a pieno il senso senza aver preso parte all’evento e se qualcuno dei link relativi non dovesse essere più attivo 🙁

Eugene Smith – Country doctor
Eugene Smith – Minamata
Eugene Smith – Lambarene
Henri Cartier Bresson
Gilles Peress – Telex Iran
Diane Arbus
Nan Goldin – The Ballad of Sexual Dependency
Larry Clark – Tulsa
Antoine D’Agata – Mala Noche
Martin Parr
Alec Soth – Niagara
Richard Billingham – Ray’s a laugh
Brian Finke – Construction
Brian Finke – Fight attendants
Thomas Herbrich – The Truth About The Moon Landing
Graziano Panfili – Sono tra noi
Christian Petterson – Readheaded Peckerwood
Michael Christopher Brown – The Kivus: Goma Airport
Mediastorm – Matt e Melissa Eich – Love in the first person
Giulio Di Sturco – Greenpeace
Carlo Gianferro – Gispy Interiors
Giorgio Barrera – The end of the line
Paolo Woods – Chinafrica
Henk Wildschut – Shelter
Massimo Mastrorillo – Life after zero hour
Massimo Mastrorillo – Temporary landscape
Filippo Romano – Mathare Slum – Nairobi
Filippo Romano – Nowheretribe

È necessaria un’evoluzione rispetto all’amore per l’istante decisivo e la fotografia bella esteticamente. Il solo fattore estetico non interessa più a nessuno e forse neanche un racconto costruito bene, se non ha qualcosa in più.
…al mondo non c’è bisogno di altre foto belle Martin Parr

alessandro_mallamaci_corigliano_calabro_fotografia_fujifilm_2

Foto: Giorgia Foti / Servizifotografici.net

Leggi anche:
Story Telling 2.0
Fotografia e vita
Sul Multimedia Story Telling, l’evoluzione della professione del fotografo e il paradosso dei video girati con le macchine fotografiche.


Condividi sui Social:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • email
  • Google Buzz
  • MySpace
  • RSS

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*