Riflessioni in ordine sparso sulla fotografia

Un viaggio tra arte, fotografia e vita

Pensieri su Michael

michael_ackerman_proiezioneLe persone nelle sue foto sono dei figuranti, delle comparse. Percepisco il racconto di una vita, vista con gli occhi di chi la vive, come in un film girato tutto in soggettiva. A colori o in bianco e nero, con luce naturale o artificiale, i suoi amori e i suoi incontri casuali, la droga e i bambini, una madre che allatta, la strada… compongono un viaggio complesso come la vita stessa.

Leggi anche Michael è stato qui

Storytelling 2.0

È necessaria un’evoluzione rispetto all’amore per l’istante decisivo e la fotografia bella esteticamente. Sempre più fotoreporter oggi si dedicano alla fiction o hanno un approccio concettuale al “reportage”. Non intendo assegnare delle etichette – ho solo fatto due esempi – quanto piuttosto affermare che la foto “bella” è alla portata di tutti e quindi occorre trovare storie interessanti da raccontare ed è indispensabile un approccio ragionato ai progetti. Ognuno deve trovare il proprio modo di raccontare ma avendo coscienza del fatto che oggi più che mai inventarsi qualcosa è tutt’altro che semplice e che il solo fattore estetico non interessa più a nessuno e forse neanche un racconto costruito bene, se non ha qualcosa in più.