Riflessioni in ordine sparso sulla fotografia

Un viaggio tra arte, fotografia e vita

Sull’arte e gli “artisti” contemporanei

Io credo che gli “artisti contemporanei” dovrebbero andare a lavorare. Quello che intendo dire è che nella storia gli artisti hanno quasi sempre lavorato su commissione. Quindi, nel bene o nel male, dovevano confrontarsi con i gusti del proprio mecenate ed essergli anche riconoscenti perché rappresentava per loro la principale fonte di sostentamento. Non è nelle mie intenzioni sdoganare l’idea che il cliente abbia sempre ragione. Continua a leggere