Riflessioni in ordine sparso sulla fotografia

Un viaggio tra arte, fotografia e vita

Capa e Basilico, legami ideali tra fotografia di reportage e architettura

La celebre affermazione “Se la foto non ti è venuta bene, vuol dire che non eri abbastanza vicino” di Robert Capa mi ha sempre fatto pensare alla necessità di una vicinanza fisica col soggetto. Oggi a questo primo concetto ne affianco un secondo espresso da Gabriele Basilico, il quale fa riferimento ad un avvicinamento progressivo alle città e ad uno sguardo lento, figlio anche del ritorno nei luoghi, utile alla produzione di visioni sempre meno superficiali.

Leggi anche:
Arrivederci Gabriele
Il progetto fotografico
Gabriele Basilico sul narcisismo in fotografia e la lentezza dello sguardo
Robert Capa: biografia essenziale

Roma caput mundi

A ottobre Roma è indiscutibilmente la capitale italiana della fotografia. Chi visita la capitale può godere delle mostre di Luigi Ghirri, di Robert Capa, del National Geographic, oltre che dei festival “Fotografia” e “Fotoleggendo”.
Continua a leggere

Robert Capa: biografia essenziale

A soli 25 anni è stato definito il più grande fotografo di guerra del mondo.
Ha realizzato una delle immagini più note della storia (Morte di un miliziano).
Ha fondato l’agenzia Magnum Photos.
Ha fotografato lo sbarco in Normandia, di cui rimangono solo 11 foto dei 4 rullini scattati, a causa di un errore del tecnico di laboratorio in fase di sviluppo (!!!).
Sognava di diventare un fotografo di pace.
E’ morto mettendo il piede su una mina durante la guerra in Indocina nel 1954.

Capa è stato un buon amico e un grande e coraggiosissimo fotografo. Era talmente vivo che uno deve mettercela tutta per pensarlo morto.
Ernest Hemingway